Cose che non sapevo sull’Australia

#11
Strade sterrate: non volete sapere dove portano. Non vi ci avventurate. Mai.

#10
L’idea che gli Australiani (o l’ente per il Turismo australiano) hanno dei punti di interesse locali è alquanto discutibile. Alcuni esempi: agglomerati industriali; cumuli di sassi; monumenti costituiti da forme cubiche o al massimo piramidi tronche.

#9
Nel caso ve lo steste chiedendo: No, l’Australia non subisce un flusso continuo di immigrazione clandestina che minaccia di rendere i suoi 20 milioni di cittadini una minoranza in casa propria, vedere statistiche.

#8
Il 60% degli Australiani hanno dichiarato che il governo dovrebbe adottare misure più severe verso questi ‘boat people’. Considerazione 1: più severe di spedirli nei campi di concentramento!? Considerazione 2: ma veramente ‘boat people’? Ma che so’ Fenici!?

#7
Ebbene sì, i richiedenti asilo, chiamati in loco ‘boat people’, che entrano illegalmente in Australia (sulle boat…) vengono deportati in centri di detenzioni strategicamente collocati in terra straniera: in Papua Nuova Guinea e Nauru.

#6
A chiarimento di #5: Abbott, per quanto scemo possa sembrare (sia?), non ha inventato nulla. La politica della detenzione preventiva dei richiedenti asilo politico è una brillante iniziativa del governo laburista di Keating (1992).

#5
Il deputato indipendente Andrew Wilkie ha da poco (ottobre 2014) denunciato Abbott&friends alla Corte Criminale Internazionale per crimini contro l’umanità. La ragione? Il trattamento dei richiedenti asilo politico.

#4
Fino al 1972 una cosa simpaticissima chiamata Australia Bianca restringeva l’immigrazione nel paese ai cittadini provenienti dall’Europa, ancora meglio se dalle isole britanniche. Tenete fuori i musi gialli!

#3
L’Australia è stato il primo e più entusiasta paese ad aderire alla geniale Guerra al Terrore proclamata da Bush, assorbendo e ripetendo come verbo divino qualsiasi falsità messa in giro sul conto dell’Iraq di Saddam Hussein – che NON aveva armi di distruzione di massa; che NON aveva armi nucleari; che NON ha MAI avuto a che fare con Osama Bin Laden; che essendo il paese PIU’ LAICO del Medio Oriente non aveva grande simpatia per gli Islamisti ecc.

#2 bis
‘Sto trattato del 1951 in realtà non ha nulla a che fare con il trattato NATO (che è vincolante per i firmatari – pure troppo). E’ talmente vago che non obbliga in alcun modo gli Stati Uniti ad aiutare l’Australia in caso di necessità. A dire il vero non si capisce a cosa serva, malgrado gli Australiani lo tengano in gran considerazione.

#2
Il trattato del 1951 detto ANZUS (Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti) che è stato messo su con l’idea di farne la controparte Pacifica della NATO, è stato invocato per la prima volta nel 2001, letteralmente all’indomani dell’attacco dell’11 settembre. In pratica, i soldati australiani sono stati mandati in Afghanistan e poi Iraq  in virtù di questo trattato. Howard è il mio primo ministro australiano preferito, di gran lunga!

#1
L’Australia si è unita agli Stati Uniti nella guerra in Vietnam, questo lo sappiamo più o meno tutti, quello che è meno noto è che è stato il governo australiano a spingere gli Stati Uniti a intervenire in un momento in cui il Presidente Johnson era piuttosto tentennante. Molto bene, Menzies!

Nota:
Da noi l’Australia va tanto di moda – meta agognata di tanti di noi, in fuga come siamo – e la immaginiamo un po’ come un paradiso lavorativo e una terra di indiscutibile civiltà e rettitudine morale. Io per prima son partita dicendo “Ah! Mica ritorno! Mammacchebbello!”, ma poi pian piano si scoprono tante cose che un po’ ‘st’immagine dell’Australia paradiso terrestre la macchiano. Oh, è bella, eh!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s